عربي - English - Deutsch - Française - Português - Español - - русский

parla con noi !

Se volete fare qualsiasi domanda sull'Islam...

 come si può convertire all'Islam?

Conoscere i passi di convertirsi all'Islam 

Le profezie bibliche sull'avvento del profeta Mohammed  sono la prova della verità dell'Islam per il popolo che crede nella Bibbia.


In  Deuteronomio 18, Mosè riferì che Dio gli disse: “Per loro farò uscire un profeta come te tra i loro fratelli; metterò le mie parole nella sua bocca e lui dirà loro tutto ciò che gli comanderò.  Se qualcuno non ascolterà le mie parole che il profeta pronuncia in mio nome, Io stesso gliene chiederò conto.” (Deuteronomio 18:18-19).1

Da questi versi si conclude che il profeta in questa profezia deve avere le seguenti tre caratteristiche:

1)  Dovrà essere come Mosè.

2)  Proverrà dai fratelli degli Israeliti, cioè gli Ismaeliti.

3)  Che Dio porrà le Sue parole nella bocca di questo profeta e che proclamerà ciò che Dio gli comanderà.

Ecco le tre caratteristiche esaminate in modo più approfondito:
1)  Un profeta come Mosè:

Difficilmente sono esistiti due profeti così simili come Mosè e Mohammed . Ad entrambi è stata data una comprensione globale della legge e del codice di vita. Entrambi incontrarono i loro nemici e furono vittoriosi in modo miracoloso.  Entrambi furono accettati come profeti e uomini di stato.  Entrambi scapparono da chi li voleva assassinare. Le analogie tra Mosè e Gesù dominano non solo le similitudini precedenti ma anche altre cruciali. Queste includono la nascita, la vita familiare, la morte di Mosè e di Mohammed  ma non quella di Gesù. Inoltre Gesù fu considerato dai suoi discepoli il Figlio di Dio e non esclusivamente un profeta di Dio, come erano Mosè e Mohammed e come i musulmani credono che Gesù fosse. Così, questa profezia si riferisce al profeta Mohammed e non a Gesù, poiché Mohammed  è più simile a Mosè che non a Gesù.

Come si può anche notare dal Vangelo di Giovanni, i Giudei aspettavano l'adempimento di tre distinte profezie. La prima era la venuta di Cristo. La seconda la venuta di Elia. La terza era la venuta del profeta. Questo è chiaro nelle tre domande che vennero poste a Giovanni Battista: “Ora questa fu la testimonianza di Giovanni, quando gli Ebrei di Gerusalemme inviarono sacerdoti e Leviti per chiedergli chi fosse.  Egli confessò, non negò e confessò, “Non sono il Cristo.” Essi gli chiesero, “Quindi chi sei? Sei Elia?” Egli disse, “Non lo sono.” “Sei il profeta?”  Egli rispose, “No.” (Giovanni 1:19-21).  Se si cerca in una Bibbia con riferimenti incrociati, si troverà nelle note marginali che la parola “Il profeta” si trova in Giovanni 1:21, poiché queste parole si riferiscono alla profezia del Deuteronomio 18:15 e 18:18.2  Si conclude da ciò che Gesù Cristo non è il profeta menzionato nel  Deuteronomio 18:18.
2) Dai fratelli degli Israeliti:

Abramo ebbe due figli, Ismaele e Isacco (Genesi 21).  Ismaele divenne il fondatore della nazione araba e Isacco divenne il fondatore del popolo ebraico. Il profeta di cui si parla non proviene dagli Ebrei stessi, ma dai loro fratelli, cioè gli Ismaeliti. Mohammed , un discendente di Ismaele, è dunque questo profeta.

Anche, Isaia 42:1-13 parla del servo di Dio, il Suo “prescelto” e “messaggero” che porterà una legge.  “Egli non vacillerà o si scoraggerà fino a quando si stabilirà la giustizia sulla terra. Nella sua legge le isole porranno la loro speranza” (Isaia 42:4).  Verso 11, connette l'attesa di uno dei discendenti di Kedar. Chi è Kedar?  Secondo la  Genesi 25:13, Kedar era il secondo figlio di Ismaele, l'antenato del profeta Mohammed .
3) Dio porrà le Sue parole nella bocca di questo profeta:

Le parole di Dio (il Sacro Corano) furono messe nella bocca di Mohammed. Dio inviò l'Arcangelo Gabriele per insegnare a Mohammed  le parole esatte di Dio (il Sacro Corano) e gli chiese di dettarle al popolo come le aveva udite. Le parole non sono quindi sue. Esse non provengono dai suoi pensieri, ma vennero messe nella sua bocca dall'Arcangelo Gabriele.  Durante la vita di Mohammed , e sotto la sua supervisione, queste parole vennero quindi memorizzate e scritte dai suoi compagni.

Anche questa profezia nel  Deuteronomio menziona che questo profeta dirà le parole di Dio in nome di Dio. Se si cerca nel Sacro Corano, si troverà che tutti i capitoli, tranne il Capitolo 9, sono preceduti o iniziano con la frase, “Nel nome di Dio, il Compassionevole, il Misericordioso.”


Un'altra indicazione (oltre a questa nel  Deuteronomio) è quella in cui  Isaia lega il messaggero connesso a Kedar con una nuova canzone (una scrittura in un nuovo linguaggio) per essere cantata da Dio  (Isaia 42:10-11).  Ciò viene menzionato più chiaramente nella profezia di Isaia: “e un'altra lingua, parlerà egli con questo popolo” (Isaia 28:11 KJV). Un altro punto di collegamento, è che il Corano venne rivelato in capitoli in un periodo di ventitrè anni. È interessante comparare ciò con  Isaia 28 che parla della stessa cosa, “Sì: Precetto su precetto, precetto su precetto, norma su norma, norma su norma; un po' qui, un po' là.” (Isaia 28:10).

Si noti che Dio disse nella profezia del Deuteronomio 18, “Se qualcuno non ascolterà le mie parole che il profeta dice in mio nome, Io stesso gliene chiederò conto.” (Deuteronomio, 18:19).  Ciò significa che chiunque crede nella Bibbia deve credere in ciò che questo profeta dice e questo profeta è Mohammed.